PNSD – Formazione team

In breve: Slide per i corsi di formazione “Piano Nazionale Scuola Digitale” rivolta ai Team Digitali di Bologna, Modena, Reggio Emilia

Il fascino dello sport – slide

In breve: descrizione della metodologia adottata per creare slide in scrittura collaborativa con oggetto gli sport.

Introduzione

Questa unità di apprendimento è stata proposta alle mie sei classi I e II del Liceo “Giovanni Pico” di Mirandola, sezioni classico e linguistico. Gli obiettivi sono stati principalmente due:

  1. Fare una ricerca online sugli sport, condividere immagini, video e riflessioni personali sulla propria scelta.
  2. Utilizzare Google slides per la scrittura collaborativa, classe per classe e produrre una presentazione da condividere ulteriormente tra le classi e sul web.

Organizzazione

Ho preparato un modello slide composto da:

  • una slide generale per le istruzioni
  • tre slide per studente di cui:
    1. per inserire immagini o video da youtube
    2. scrivere le motivazioni della propria scelta, se è uno sport che già si pratica o che piacerebbe praticare
    3. una tabella con cinque righe in cui inserire i commenti al lavoro dei compagni e una valutazione in cifra da 1 a 5.

Tempi

La prima fase consisteva nel compilare le prima due slide (circa 30 giorni)

La seconda richiedeva di entrare a presentazione terminata e inserire i commenti ad almeno 5 lavori dei compagni, come vedi nell’immagine qui sotto (circa 15 giorni):

slide commenti
Esempio di slide per inserire commenti e valutazioni

Valutazioni

Al termine ciascun allievo ha ricevuto una valutazione che, per metà (un max di 5 punti) è stata assegnata dall’insegnante e, per l’altra metà, sempre per un max di 5 punti, dai compagni che hanno scelto i contenuti dei colleghi assegnando la propria valutazione.

Criticità

Il gatto mi ha mangiato Internet! Il lavoro doveva essere svolto a casa. All’incirca il 50% ha terminato entro i tempi previsti, almeno nella I fase. Molti dei restanti hanno addotto problematiche tecniche, dimenticanza, ecc. Qualcuno ha mandato un power point, altri qualcosa attraverso la posta. In genere se sollecitati hanno poi risposto in breve tempo, terminando il compito. A lezione ho messo loro a disposizione  il mio portatile per inserire i contenuti. Solo un paio su 150 non hanno svolto l’attività.

A parte qualcuno forse già educato all’uso degli strumenti informatici, la maggior parte non ha confidenza con la scrittura in digitale, ad esempio non iniziano il periodo con la maiuscola, non mettono lo spazio dopo un segno di punteggiatura, soprattutto, tanti non rileggono quello che scrivono, ma non leggono nemmeno le istruzioni.
Per smentire in parte ciò che afferma Vertecchi sulla scrittura e cioè che “l’intervento nella scrittura digitale di correttori automatici riduce la consapevolezza ortografica”, posso dire tranquillamente che non guardano nemmeno se una parola è segnalata come errore; faccio a questo proposito l’esempio del “perchè” che vince l’oscar del disinteresse, pur sottolineato in rosso.
Ho riscontrato altre carenze abbastanza diffuse nella gestione delle immagini e dei video. Però, tutto sommato questo lavoro è stato utile per imparare ad usare lo strumento collaborativo dove, almeno, i tuoi compagni di classe vedono cosa hai fatto e questo dovrebbe indurre a fare attenzione a come si fa il compito.

Risultati

Le presentazioni finali sono state apprezzabili per la varietà degli sport proposti, più di 50, di cui alcuni, circa una decina, che proprio nemmeno conoscevo. Ora le presentazioni sono pubbliche e tutti saranno invitati a guardare quello che le altre classi hanno prodotto.

I link alle presentazioni sono qui sotto, i testi scritti dagli studenti sono ricchi di carica emozionale, così come sa suscitare un’attività vitale come quella dello sport.

Scrittura collaborativa e costruzione del sapere

Presentazione su scrittura collaborativa e classe rovesciata. Liceo “G.Galilei” Macerata, 30 Novembre 2015.

Erasmus+ Corso GAfE Valencia #6

sabato

art science

L’ultima giornata si è svolta nella parte moderna della città, anche con momenti di convivialità, per fare il punto su quanto appreso e condiviso nella settimana trascorsa. Si è parlato, facendo emergere dubbi, problematiche e proposte operative in una condizione informale e rilassata.

Il nostro augurio è stato quello di mantenerci in contatto ed eventualmente organizzare altri incontri, per estendere queste proposte ai colleghi della nostra ed altre scuole in Italia. Entrambi i colleghi hanno dichiarato la propria disponibilità a questo genere di incontri.

Per quanto ci riguarda usciamo estremamente soddisfatte da questa esperienza che ha rinforzato la nostra intenzione di collaborare  per favorire nel nostro contesto la costruzione di un processo pedagogico che riconosca l’importanza fondamentale delle tecnologie come strumenti adeguati al conseguimento da parte dei nostri alunni delle competenze indispensabili previste per i cittadini del XXI secolo.

Erasmus+ Corso GAfE Valencia #5

venerdì

Il programma del venerdì è stato molto corposo, ancora per l’analisi di alcuni applicativi ed estensioni per la valutazione delle competenze, tra cui Doctopus, Rubistar ed altri che permettono di ottenere schede valutative dettagliate in forma automatica, applicabili sia in Classroom con dominio della scuola, sia sulle semplici apps.

venerdì

Successivamente i docenti ci hanno prospettato la certificazione Google for Education, Nel Google Training Center, dando indicazioni dove e come studiare e la struttura degli esami.

Erasmus+ Corso GAfE Valencia #4

 

03_mercoledì

giovedì

Al mattino l’attenzione si è focalizzata su alcuni applicativi ed estensioni di Chrome da integrare per le due modalità didattiche prese in considerazione:

  • Problem Based Learning
  • Flipped Classroom

oltre a Classroom per le sue peculiarità di piattaforma per la distribuzione di risorse, compiti e valutazioni.

05_venerdì

Il pomeriggio è stato dedicato alla conferenza che si svolgeva in un Istituto altrettanto innovativo, in cui si sono succeduti relatori che hanno dato informazioni ad una platea valenciana composta prevalentemente da dirigenti scolastici, insegnanti e tecnici. Gli interventi sono stati di carattere didattico, tecnico e promozionale sugli applicativi e dispositivi Google.

Erasmus+ Corso GAfE Valencia #3

mercoledì

Sempre con lo strumento realtimeboard, Miguel ci ha proposto una riflessione sull’analisi della nostra scuola per una possibile innovazione didattica e organizzativa. Questa volta lo schema comprendeva quattro settori di cui due verticali, riferiti alle percezioni interne (think, feel – say, do) e due orizzontali a quelle esterne (hear – see). Questo esercizio, simile ad un brainstorming, ha fatto emergere punti di forza e di debolezza nel processo educativo dai quali partire, per impostare un percorso più consono alla didattica moderna nel nostro contesto.

schema croce

La seconda parte della mattinata è proseguita con la visita alla scuola che ha ospitato questo corso, composta da classi di primaria, comprese scuola d’infanzia, e secondaria in cui, alcune classi dell’uno e dell’altro ordine hanno da tempo adottato metodi di lavoro integrati con le ICT.

E’ stato molto emozionante vedere come i più piccoli lavorano con certi strumenti, i più grandi con altri più sofisticati; tutti gestiti dai tecnici e insegnanti nel centro di controllo caratterizzato da una semplicità sorprendente.

allievo

Di fatto i contenuti del programma giornaliero iniziale sono stati affrontati anche il giorno successivo.