Learning how to learn #1

argomenti prima settimana

In breve: i contenuti del primo modulo del corso “Aprendiendo a aprender”

Il corso

Ho iniziato un MOOC su Coursera dal titolo “Aprendiendo a aprender: Poderosas herramientas mentales con las que podrás dominar temas difíciles” (Learning How to Learn: Powerful mental tools to help you master tough subjects) della University of California, San Diego. E’ il primo corso in spagnolo che seguo (letture e compiti). Gli interventi dei video sono in inglese con sottotitoli in italiano.
Si compone di quattro moduli distribuiti in quattro settimane. Se vai alla pagina del link qui sopra, puoi avere informazioni maggiori sugli obiettivi e l’organizzazione delle lezioni.
Il certificato finale costa 44 $.

Vorrei riassumere sul questo blog i contenuti appresi in ciascuna settimana perché ritengo comodo avere sotto mano i punti salienti trattati e rivederli, sia per una necessità personale, sia per poterli applicare nella mia didattica.

Gli argomenti della prima settimana

L’apprendimento focalizzato e quello diffuso

Esistono sostanzialmente due modi per apprendere. Il primo, quello focalizzato,  è quello che conosciamo meglio in cui si presta tutta la concentrazione sull’oggetto di interesse. Si studia in un ambiente senza distrazioni, in modo sequenziale dove si provano a comprendere concetti apparentemente difficili, anche totalmente astratti.
Questo atteggiamento, però, non può durare a lungo. I ricercatori affermano che è necessario smettere quando si avverte il primo disagio o l’incapacità di sostenere la concentrazione.

Negli anni ’80 è stata messa a punto la “Tecnica del Pomodoro“. Questa consiste nel caricare un timer (l’autore ne usò uno a forma di pomodoro da cui il nome), che segnala un tempo massimo di 25′ di concentrazione ogni volta, da effettuare senza distrazioni dall’esterno, a cui si fanno seguire alcuni minuti di scarico facendo altro come bersi un caffè, scambiare chiacchiere, interagire sui social, fare un breve passeggiata, esercizi fisici, una doccia, relax, ecc.

Questa tecnica ci porta al concetto di apprendimento diffuso, che è quello implicito, incoscio che avviene nei momenti di stacco in cui si fa “altro” rispetto al periodo di intensa concentrazione.
Dal punto di vista neurologico in questa fase, scaricare il Sistema Nervoso permette che i nuovi apprendimenti creino i circuiti neurali andando ad attingere a ciò che si conosce, alle proprie esperienze, facilitando la comprensione e la creatività.
Nel microscopico, è in questa fase che i dentriti dei neuroni attivano nuove sinapsi permettendo che ciò che si è studiato si ancori nelle strutture nervose.
Durante l’apprendimento diffuso il pensiero si muove liberamente, con l’opportunità di guardare le cose da una prospettiva diversa per soluzioni alternative.

Queste due modalità appena viste non possono manifestarsi in contemporanea, ma è necessario, specialmente quando si impara qualcosa di nuovo, che la mente possa passare dall’una all’altra fase, per creare la struttura necessaria ai nuovi apprendimenti.

Dal punto di vista fisiologico c’è analogia tra ciò che avviene nell’allenamento sportivo. In realtà l’organismo si “allena” durante la fase di recupero; è in quel frangente, infatti, che si attivano le modificazioni omeostatiche indotte dalla sindrome di adattamento generate dallo stress fisico.

E’ bene conoscere i concetti di apprendimento focalizzato e diffuso, specialmente quando si deve approcciare a qualche argomento che non piace o si ritiene difficile.
In questo caso si nota che il disagio scompare dopo poco che si inizia l’applicazione e, quindi, non serve procastinare l’impegno, ma piuttosto è preferibile darsi dei limiti temporali alla concentrazione, intervallati da momenti di relax.

Effetto distanza

Fattori che incidono sull’apprendimento sono dovute alla labilità della memoria a breve termine e della memoria procedurale, contro la più solida memoria a lungo termine.
La prima occupa un’area molto ristretta del SN e scompare in tempi rapidi, la seconda pervade tutto il cervello e si mantiene abbastanza stabile per essere recuperata al bisogno.

Per ottenere un apprendimento duraturo è necessario dedicare allo stesso argomento più riprese, ovvero rivedere e fare esercizio.
I ricercatori affermano che dopo cinque rivisitazioni, si raggiunge l’obiettivo ma che, più queste sono distanziate, più sono efficaci.

Ti rimando ad un post che ho tradotto dall’inglese in cui, nel dettaglio, puoi farti un’idea di cosa significhi l’effetto distanza. Eccolo:

Effetto distanza, Ripetizioni frazionate, Pratica distribuita, ecc.

L’importanza del sonno nell’apprendimento

Le cellule del nostro SN subiscono durante il sonno una contrazione e questo permette il drenaggio delle tossine perché il liquido intra-cellulare scorre più agevolmente.
Ma il sonno è anche un fattore importante dell’apprendimento: si rafforzano parti di memoria che vogliamo ricordare e si cancellano quelle meno importanti. Le sinapsi tra i neuroni rafforzano i concetti e i contenuti, attivando e ripercorrendo con la memoria i circuiti appena formatisi.
La disattivazione del pensiero cosciente permette il dialogo tra le parti inconsce del cervello di ciò che è stato captato nella fase di focalizzazione.
Anche pensare a ciò che si è appena studiato prima di addormentarsi favorisce l’apprendimento, con la probabilità addirittura di sognarlo.

La settimana prossima l’argomento sarà: Gli aspetti base della frammentazione.

2 pensieri riguardo “Learning how to learn #1”

  1. Ciao Emanuela,
    Sono Manolo di cocooa.com, ci siamo conosciuti al tempo di qualche altro MOOC (non ricordo quale.. forse Gamification?) e mi sono iscritto al tuo sito, che ha spesso spunti interessanti.
    Sono dentro anche io a Learn how to learn, ma per un motivo o per l’altro non sono riuscito a seguirlo. Vale la pena per ora?
    sono solo 4 settimane magari mi ci metto sotto anche io (anche se è partito quello di linguistica ….)

    Ciao

    1. ciao, ricordo di te. Io sono partita in anticipo rispetto alla data. Seguo quello spagnolo così mi esercito con la lingua. Allora ci sentiamo lì 😉

E tu, cosa ne pensi?