Learning how to learn #2

poll 2

In breve: la seconda settimana di MOOC procede con l’argomento della frammentazione, si parlerà in maniera diffusa dei chunk.

Cosa sono i chunk, cosa è il chunking?

I chunk sono frammenti di informazione che si legano assieme per significato o uso fino a formare idee chiave compatte, (la metafora è lo .zip) sempre più grandi e complesse e facilmente accessibili.
Per formare chunk è necessario adoperarsi con un apprendimento focalizzato che prevede attenzione e comprensione, mentre l’esercizio approfondisce ne fissa gli schemi mentali.
Quando si deve recuperare un’idea non serve avere tutti i dettagli, ma basta quella principale.
In pratica si tratta di creare automatismi mentali sempre più complessi.

Come formare i chunk

Per poter sviluppare chunk e fissarli nella memoria, si studia un frammento di un argomento e si prova a ripetere senza guardare il libro (recall), senza sottolineare o evidenziare troppo -questo illude di aver imparato- e poi fare degli autotest. Allo stesso modo non serve fare mappe mentali, almeno nella fase di apprendimento iniziale.
Gli errori possono aiutare meglio la comprensione e la memorizzazione ed evitano l’illusione di competenza. Per questo bisogna esercitarsi  anche su problemi difficili e non accontentarsi delle nozioni base, questa forma viene chiamata pratica deliberata.
Nel tempo i chunk costruiscono ganci neurali con ciò che si conosce già, con argomenti affini o strutture simili e si costruisce una conoscenza più completa.
Più è grande la biblioteca dei propri chunk, meglio è.

Caratteristiche dei chunk

I chunk godono della proprietà del transfer, ovvero riescono a connettersi con modelli già presenti nella nostra mente e formare immagini creative. Per questo si deve trovare un compromesso tra la specializzazione e la conoscenza più diffusa, anche in campi che non sembrano essere affini.

Un altro modo per stimolare la formazione di chunk consiste nell’interleaving. Questa tecnica invita a non soffermarsi troppo a fondo su un metodo, ma studiare concetti,  approcci e tecniche diverse tra loro.

L’overlearning è necessario quando si devono affrontare situazioni in cui è richiesta particolare scioltezza nella comunicazione, ad esempio in un evento TED. E’ dannoso, invece, nello studio fisso e ripetitivo.

L’einstellung (mind set) è una forma radicata dei chunk che impedisce di affrontare i problemi da un punto di vista diverso.

E’ utile richiamare i chunk in luoghi diversi da dove si sono appresi. Cambiare l’ambiente, infatti, stimola diversamente il richiamo della conoscenza.

Per ultimo la serendipity che aiuta gli audaci e può sorprendere per idee inattese o intuitive.

E tu, cosa ne pensi?