Libri fatti in casa

ebook_1

 img: pagina di ebook creato nel corso

In breve: riflessioni sulla necessità di imparare a fare libri da sé

Sto concludendo l’ultimo dei due corsi PNSD sulla costruzione degli ebook. Insieme ad altri colleghi dell’Emilia Romagna ho formato docenti in grado di costruire libri fatti in casa per le più svariate opportunità didattiche.
Sarà una mia fissa e ammetto che ci sia una componente un po’ maniacale, ma voglio ancora una volta ribadire i motivi del mio interesse per questo genere di oggetti digitali mentre intorno imperversano altre forme comunicative che, forse, hanno più appeal. Io non demordo.
Poi ciascuno, avendo a disposizione la bicicletta, decida se pedalare o meno.

Un libro è un libro

Che sia un romanzo o un saggio, che sia scritto da uno o più autori, un libro custodisce una propria completezza che, a differenza di quelli di carta o in misura molto superiore, può essere continuamente revisionata e accresciuta delle altre modalità comunicative, multimediali e multimodali, caratteristiche del digitale.
Mi viene da fare un’analogia con il gioco del golf dove ci si può esercitare con colpi specifici (strumenti diversi) ma, ad un certo punto bisogna andare in campo e provare a mettere insieme le diverse tecniche richieste dal contesto. Sport di situazione, appunto, dove il risultato è sempre maggiore della somma degli elementi, come un libro.
Si può giocare da soli oppure in compagnia; l’una e l’altra condizione presentano pro e contro, di certo la seconda è più divertente.

Docenti e ebook

Ti faccio una domanda: se tuo figlio, o figlia, frequentasse un istituto alberghiero, ti piacerebbe che i docenti di cucina li formassero aprendo delle buste Findus? Probabilmente no, vorresti che partissero dagli ingredienti base e imparassero a fare da sé sotto la guida di un esperto che conoscesse i trucchi del mestiere e che avesse la pazienza di aspettare il prodotto finale.
Allora perché tuo figlio o tua figlia devono avere testi che non prevedono lo sforzo di costruire il percorso di conoscenza, ma deglutiscono il sapere senza nemmeno chiedersi da dove arriva, dove va cercato?
Siamo sicuri che con i testi adottati stimoliamo il pensiero critico? Siamo sicuri che li motiviamo allo studio?
A quest’ultima domanda potrei anche dare risposta affermativa se la motivazione è quella di ottenere voti (estrinseca), ma questo non ha niente a che vedere con la curiosità e il piacere di apprendere (motivazione intrinseca). Senza considerare, poi, i diversi livelli di efficacia.
I docenti lo sanno bene (se vogliono pensarci), e l’evidenza lampante sta tra gli studenti entusiasti e attivi da una parte e quelli annoiati e passivi, opportunisti dall’altra.
Prova a farti i tuoi libri, non saranno capolavori, ma saranno i tuoi, così come un piatto di tortellini fatti in casa: disuguali, non perfetti ma buoni.

I docenti devono riappropriarsi della propria professionalità (lo so, è un discorso difficile: chi paga?) ma in un futuro prossimo, ormai diventato presente, dove il ruolo di erogatore di contenuti sta pian piano lasciando il posto a sistemi automatici di apprendimento, i migliori saranno quelli che sapranno maneggiare la conoscenza con gli strumenti e i sistemi informatici (informazione automatica), opportunamente supportati da competenze didattiche adeguate.

Metodo

La tecnica costruttiva, di cui parlo ampiamente nei post in questo sito, va di pari passo con l’idea di metodo che mi sono costruita e che divulgo nella speranza, da alcuni condivisa, applicata e migliorata, che costruire insieme un libro sia un’operazione impegnativa, che non può essere liquidata presentando gli strumenti e dire: si fa così. Bisogna:

  • sapere cos’è un ebook, non nel dettaglio estremo, ma tanto da poter riuscire a prendere un .epub – ad esempio un liberliber.it di Pirandello- e metterci le mani, ricostruirlo per/insieme ai propri studenti;
  • costruire ebook collaborativi: azione complessa che necessita di assegnazione di ruoli, regole, schemi, organizzazione, responsabilità, azione, ma anche creatività, espressione, fantasia, estro, talento quando c’è;
  • saper pubblicare un ebook;

Da questi obiettivi nasce la scelta degli strumenti che propongo, che a mio parere corrispondono a queste necessità. Forse non sono i più semplici e i più immediati, ma punto sulla consapevolezza di ciò che si sta facendo; non siamo meri esecutori.

Quello che non è possibile definire, ed è la variabile individuale a questo processo è che, come per tutti gli strumenti che abbiamo imparato ad usare in questi anni, i risultati sono uno diverso dall’altro, relativamente al grado di immaginazione e abilità tecnica che ciascuno sa mettere in campo.

Si parlava di bicicletta?

2 pensieri riguardo “Libri fatti in casa”

  1. Complimenti per il lavoro svolto. Sempre interessanti i tuoi articoli sugli ebook. Maurizio da Ravenna

  2. Ciao Emanuela. Sono molto d’accordo con lo spirito del tuo lavoro. Anch’io faccio costruire libri (nelm io caso, libri di di filosofia), ma con un approccio meno “totalizzante” . Mi spiego subito, non vorrei esser frainteso: non è una critica. Io faccio stmpare i loro quaderni dispensa, realizzati coni materiali del Filo di Arianna e quelli consegnati loro sulle aule Moodle oppure recuperati su mia indicazione dai siti giusti o infine dalle mie lezioni, peché penso che alla fine sia più semplice studiare su carta. Lascio comunque che chi vuole faccia tutto su tablet. Forse quest’anno potrei cominicairea fare un confronto comapratico dei risultati… chissà. (resta il fatto che non tutti hanno un tablet!). Inoltre, fornisco loro un vero libro di filosoifa scritto da me in print on demand (costo 6,5 euro contro oi 42 dei libri “veri”) perché penso che comunque i ragazzi debbano avere una traccia sicura: altrimenti ho proprio paura che si perdano. Comunque keep in touch, tutta questa discussione mi interessa moltissimo!

E tu, cosa ne pensi?