Mens sana in corpore sano

sport_a_scuola

Un link ad un articolo che parla di sport in età evolutiva.

Come succede spesso, si insiste sugli effetti salutistici e poco su quelli educativi e formativi dell’attività motoria. Il post, comunque, mette il dito nella piaga della disattenzione nei confronti dell’argomento sport e adolescenza che nel nostro paese è lasciata in mano alle società sportive che hanno finalità agonistiche, a differenza di altre nazioni in cui è la scuola a farsene carico.

I nostri insegnanti, invece, stigmatizzano chi pratica sport perché, dicono, distoglie dallo studio. Niente di più falso.

Ecco il riferimento : Per i pediatri italiani vale ancora il motto “Mens sana in corpore sano” via Orizzontescuola

3 pensieri riguardo “Mens sana in corpore sano”

  1. Il problema è trovare il modo di far fare sport IN MODO NON AGONISTICO ad un adolescente. Si inizia a portarli a fare sport da piccoli e già all’età delle elementari comincia la solfa dell’agonismo, della formazione delle squadre, delle partite, delle gare e dei tornei. Risultato: se sei dentro al meccanismo ti tocca seguire un ritmo serrato di allenamenti e gare, se sei fuori e provi a iscrivere tuo figlio all’età di 10-11 anni in palestra per fare uno sport ti senti dire che no, ormai è tardi, si comincia prima. Non si trovano molto facilmente posti dove si fa sport per muoversi e divertirsi, senza fini agonistici. Azi, bisogna proprio andarli a cercare con il lanternino!

  2. Credo che il problema non sia quello dell’agonismo che comunque fa parte dello sport, ne è la sua essenza, quanto quello di privilegiare il gioco funzionale alle necessità delle società sportive, che vogliono SOLO vincere. La scuola, permette un approccio agonistico che si esaurisce nel gioco stesso, si autogratifica.

E tu, cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.