Scuola Digitale Carpi #6

social media

Ultimo incontro del corso; un po’ mi dispiace perché mi sono trovata bene con tutti/e voi. 🙂

Ecco in sintesi gli argomenti:

I parte: abbiamo ripetuto velocemente le procedure introdotte nella lezione precedente sulla costruzione collaborativa di ebook.  Il problema della matematica sembra risolto con: Inserisci —> Oggetto —-> Formula nel menu del writer di Open Office. Sembra ci sia tutto quello che vi serve per scrivere con la simbologia richiesta. Una sintesi dei passaggi per fare l’ebook la spiego in queste slide. Il mio consiglio, se vuoi iniziare a produrre delle dispense o libri, è quello di partire con la modalità più semplice, arrivando a pubblicare in .pdf esportando da Open Office. Se invece vuoi procedere verso le forme adatte alla distribuzione su dispositivi mobile (.epub e .mobi), trovi le istruzioni sul mio testo acquistabile su tutti gli store di ebook. Comunque rimango a disposizione per chiarimenti procedurali.

II parte: ho introdotto il concetto di Flipped Classroom o lezione rovesciata. Su questo sito ti ho già segnalato le slide tradotte dal portale sophia.org sul quale, oltre al corso in inglese, si possono anche caricare le lezioni multimodali/multimediali (abbiamo visto brevemente come si fa). Ti ricordo che la procedura metodologica delle FC può essere però svolta anche utilizzando Google Drive con i suoi diversi strumenti (doc, slide, ecc.), senza bisogno di appoggiarsi a portali esterni. In caso di oggetti audio si può ovviare registrando la voce sulle slide ed importare il video su youtube. A questo scopo io uso un programma cattura schermo, Jing, sempre gratuito.

III parte: ti ho proposto alcuni social network dedicati che, a differenza di quelli generalisti come Facebook e twitter, hanno un’intrinseca funzione didattica ed educativa. Sono:

  • Coursera.org: portale interattivo di MOOC (massive open online courses) dalle università di tutto il mondo con i più disparati argomenti e livelli di apprendimento per studenti e docenti.
  • Goodreads.com: portale dedicato alla lettura di libri. Si possono creare gruppi di lettura, commenti, condivisioni ecc. ecc.
  • Busuu.com: portale per l’apprendimento delle lingua straniere la cui particolarità è quella di presentare le stesse unità di apprendimento per le 12 lingue proposte. Utile per studenti stranieri che devono apprendere l’italiano partendo dalla propria madre lingua, o per corsi di studi che prevedono lo studio di più lingue straniere.
  • Slideshare.net: per la condivisione di slide e documenti
  • Youtube.com: condivisioni di video.

Concludendo, vorrei ringraziarvi tutti/e per la partecipazione, il mio augurio è quello che riusciate a mettere in pratica, con gli strumenti che abbiamo visto insieme ed altri che conoscerete, una didattica più stimolante e partecipativa. Rimango sempre a vostra disposizione per chiarimenti.

Buon anno scolastico!

Emanuela

 

Scuola Digitale Carpi #5

ebook devices

Primo incontro dopo la sospensione estiva, penultimo del corso.

Un ripasso veloce sulle diverse funzioni che possiamo attivare con la LIM. Ti rimando a una lettura veloce dei report delle lezioni precedenti.

Durante l’estate sei stato invitato/a a produrre scrittura collaborativa usando i tool di Google Drive. Molti di voi hanno prodotto alcuni documenti con:

  1. Documento di testo
  2. Presentazione
  3. Modulo
  4. Foglio di calcolo

Ti ricordo, come esplicitato nella mail e sul forum della piattaforma Indire, di caricare, o gli oggetti in formato .pdf,  o il link, facendo attenzione a renderlo prima pubblico sul web.

Di questi strumenti abbiamo visto come inserire testi, immagini, video e come operare la condivisione affinché si possa vedere l’intervento di ciascuno ed altri tips per usarli al meglio delle rispettive paticolarità.

Per i docenti di matematica avrei trovato un’estensione che permette la scrittura delle formule matematiche in maniera diretta sul writer di Open Office. Il programma si chiama CmathOOo, naturalmente gratuito. Io ho guardato il primo tutorial su youtube che richiede, per l’uso dell’applicativo ,una sintassi abbastanza semplice, senza programmazione. Purtroppo è solo in francese (ritengo comprensibile), ma non riesco a visualizzare sul mio writer le icone a scelta rapida che invece si vedono sul tutorial. Ho scritto nel forum e spero che mi diano una risposta a breve. Eventualmente aggiornerò questo post. P.S. (forse non è ancora aggiornato a Open Office 4).

L’argomento successivo trattava di come costruire ebook. L’abbiamo svolto un po’ in fretta, ma è un argomento complesso e lo riprenderemo di sicuro la prossima lezione. Intanto ti ricordo che gli standard per visualizzare gli ebook sui dispositivi mobile, ma anche su PC, sono .epub e .mobi (per kindle), senza trascurare il classico .pdf. Il nostro scopo è quello di passare dalla scrittura collaborativa con colleghi e/o studenti, alla pubblicazione di dispense/ebook didattici con questi step:

google drive——–>writer di Open Office———> pdf, epub e mobi.

Puoi trovare una sintesi su queste slide e riprenderemo questo discorso all’inizio della lezione del 24 Settembre in cui successivamente, come vi ho anticipato, tratteremo anche di Flipped Classroom (le slide #1 #2 #3 e #4 in italiano su questo sito, ) e di social network dedicati per costruire conoscenza connettiva.

Abbiamo fatto un inciso sulle licenze di distribuzione, ovvero: il copy write, il pubblico dominio e il Creative Commons con le sue opzioni che mantengono qualche diritto, ma permettono una distribuzione più libera delle risorse educative, così come suggerisce anche il MIUR. Sono le seguenti e possono essere combinate secondo le proprie necessità:

CC0: pubblico dominio

CC PD

ND: non opere derivate

CC ND

NC: non commerciale

CC NC

SA: condividere con la stessa licenza

CC SA

BY: attribuzione (sempre presente)

CC BY

Ci vediamo al prossimo, ultimo incontro 🙂

Scuola Digitale Carpi #4

google drive

Quarto incontro

Durante la lezione precedente vi ho presentato il primo degli strumenti per impostare una didattica collaborativa utilizzando, sia i dispositivi personali che gli studenti hanno a casa o portano con sé in classe (laptop o tablet), sia la LIM. Si tratta di Google Drive.

Per poter utilizzare questa metodologia è necessario che la classe sia dotata di un accesso ad Internet, cosa che non avviene ancora in tutte le scuole ma, come si è detto durante le discussioni, è necessario che si pensi ad una situazione che faciliti l’apprendimento connettivo in cui, avere la rete funzionante, è una condizione necessaria. Per cui vi invito ad insistere con chi di competenza per avere ciò che serve.

Di Drive, che si può anche scaricare come applicazione per mobile da apple store o google play store, ma che, ricordiamo, in questa versione non ha tutte le funzioni da PC o mac, abbiamo visto gli applicativi più importanti, che sono quelli che vedi nell’immagine qui sotto:

G_Drive_apps

Brevemente:

  • Cartella: per ordinare i file secondo proprie categorie
  • Documenti: simile all’editor di testo word – Questo applicativo serve per scrivere pagine di testo che possono essere poi scaricate in vari formati;
  • Presentazione: simile a power point – per organizzare lezioni che, però, vanno presentate da uno o più relatori;
  • Foglio di lavoro: simile a excel – per organizzare dati e relativi grafici, anche con simulazioni.
  • Modulo: per creare questionari online i cui esiti finiscono su un foglio di lavoro
  • Disegno: app per disegnare.

Ciascun applicativo può essere condiviso il scrittura, in lettura o per annotazioni.

Sempre relativamente all’utilizzo della didattica partecipativa, costruttivista e connettivista, abbiamo sottolineato la differenza tra:

collaborative writing: tutti gli interessati intervengono sullo stesso argomento e costruiscono insieme un percorso di apprendimento. (Più difficile perché ci vuole molta omogeneità di competenze e affiatamento all’interno del gruppo);

cooperative writing: ciascun gruppetto interviene in una porzione di conoscenza e costruisce insieme agli altri gruppetti l’unità di apprendimento. (Soluzione consigliata. Per questo vi invito a strutturare il file di condivisione in modo che ciascun gruppo sappia dove, come e quanto scrivere, ad es. nominare le slide, dare spazi al doc di testo oppure dare fogli separati nel foglio di calcolo per le simulazioni.

L’attività che propongo per l’estate è quella che ciascun gruppo di lavoro deve organizzare almeno due delle forme di app presentate per costruire una breve unità di apprendimento. Le  vedremo insieme a Settembre. Il vostro ruolo è quello, prima di docenti che organizzano e strutturano il file (architettura organizzata di interventi), poi quello di studenti che riempiono di contenuti rielaborati da far leggere o presentare o simulare.

In piattaforma Indire ho già inserito le prossime date che saranno il 18 e il 24 Settembre, dalla 14 alle 18. Ricordo ancora di entrare anche per effettuare le ore online che saranno 20 in totale. Vi sollecito anche a prendere visione di altri documenti in rete, come ad es., quelli che potete scaricare e ricaricare in piattaforma dalla rivista Bricks o da altri siti che trattano di didattica e web. Infatti, se trovate link interessanti, condivideteli sul forum. Come ho detto, ci sono anche gruppi molto attivi su Facebook che potete copiare dal mio profilo.

Comunque mi farò vedere in piattaforma, ogni tanto anche voi date un’occhiata.

A tutt* Buona Estate 😉

Scuola Digitale Carpi #3

lim_8

Terzo incontro

Dopo aver espletato le solite procedure burocratiche della piattaforma, quali: inserimento commenti nel forum, carico scarico risorse didattiche, presa visione del portfolio, abbiamo ripassato rapidamente quanto fatto nelle lezioni precedenti con la LIM.

Abbiamo rivisto rapidamente il primo livello di utilizzo, le funzioni principali di scrittura; nel II con risorse importate ed elaborate. In entrami i casi il suggerimento è quello di condividere la produzione, opportunamente trasformata in .pdf, con gli studenti attraverso la mailing list dei componenti la classe. Anche se elementari queste funzioni hanno senso, e ci tengo a precisarlo,  nel momento in cui distribuiremo ciò che è stato fatto a lezione, indipendentemente dal fatto che gli studenti abbiano preso appunti. Visualizzare rinforzare l’apprendimento esattamente ciò che si è fatto in classe oppure distribuire i contenuti anche agli studenti assenti. Lasciare queste produzioni nel PC della LIM non serve a nessuno.

Abbiamo dato un’occhiata alle risorse disponibili sulla rivista online Bricks, anche organizzate per ambiti disciplinare, dove potete scaricare materiale ed, eventualmente, metterlo in piattaforma INDIRE per la condivisione.

Successivamente abbiamo discusso sulle slide, fino alla n° 11, che avevo prodotto circa un mese fa in un intervento a Bologna (Innovative design dei processi educativi scolastici).

A questo punto abbiamo terminato la I fase del corso introducendo l’utilizzo del web 2.0 per la didattica ed introducendo per la II fase Google Drive, che approfondiremo adeguatamente nella prossima lezione in termini subito operativi. Siamo approdati allora al III livello di utilizzo della LIM con il web 2.0. Obiettivo infatti della prossima lezione, è quello di darvi uno strumento con il quale potrete preparare lezioni o slide, con gli applicativi documento, presentazione e foglio di calcolo condivisi, del famoso strumento online, in modo che nella pausa estiva possiate già produrre qualche risorsa. Considerate che, secondo la didattica costruttivista, saranno i vostri studenti a creare queste risorse didattiche, che potranno essere poi visualizzate sulla LIM in classe. In questo momento avete voi il ruolo di studenti che provano a mettere in pratica questa metodologia. Ciò non toglie che Google Drive possa essere usato da docenti della stessa disciplina per creare risorse in collaborazione.

L’attività che propongo per Martedì è quella di scrivere dentro al doc condiviso, facendo precedere l’intervento da “proprio nome scrive”.

Ricordo che, dopo l’incontro di Martedì 28/5 dovrò chiudere la I fase; controllate quindi di aver raggiunto le ore di attività online (10) nella funzione “portfolio” sulla piattaforma INDIRE.

Alla prossima 🙂

Scuola Digitale – Carpi #2

meucci

Secondo incontro.

Abbiamo proseguito nella visione delle funzioni della piattaforma ForDocenti, in particolare, di come interagire nei forum. A questo proposito vi invito a rispondere (tasto in fondo) alle discussioni già aperte. Questo per evitare che si disperdano gli interventi. Solo se volete aprirne una nuova e inedita, attivarla con il tasto “crea discussione” sempre in fondo alla pagina dell’elenco dei forum.

Poi siamo andati a vedere come scaricare e caricare risorse didattiche:

  1. dal menu edulab —->strumenti quelle che abbiamo prodotto in aula che potete scaricare e ricaricare nella vostra cartella che avete creato;
  2. scaricare dal menu risorse oggetti didattici prodotti da colleghi relativamente alla disciplina di interesse.

Attenzione: ciascuna delle operazioni precedenti, ovvero, rispondere al forum, scaricare e caricare, viene  registrata come attività online che deve raggiungere 10 ore entro la prima fase che si concluderà il 29 Maggio. Potete controllare quante ne avete accumulate entrando nel menu portfolio, in cui sono visualizzate le ore in presenza e online. Mi raccomando di raggiungere la quota 10 ore prima della scadenza. Quelle eccedenti non sono calcolate; il limite massimo è 10. Molto probabilmente per concludere la prima fase si dovrà rispondere ad un questionario di soddisfazione. Se non lo fate non potrò stamparvi i certificati finali!

LIM: secondo livello di utilizzo

Abbiamo visto ancora qualche funzione da utilizzare in scrittura. La più utile mi sembra quella della quadrettatura del foglio che permette di scrivere e disegnare schemi ordinati. Al termine si può togliere.

Entriamo nel merito dell’argomento di oggi: sulla Lim possiamo importare degli oggetti: pdf, ppt (presentazioni) e immagini (anche altri ma non li tratteremo) e su questi intervenire in scrittura ed altre funzioni.

  1. abbiamo importato il testo della Costituzione in .pdf, l’abbiamo sottolineato ed evidenziato in alcuni punti e poi abbiamo esportato, sempre in .pdf, la pagina elaborata. Quindi l’abbiamo condivisa in mailing list per far avere agli “studenti” quello che abbiamo fatto in classe.
  2. abbiamo fotogratato la pagina elaborata con la funzione “cattura schermo” (macchina fotografica) e salvata in formato .jpg, quindi sempre condivisa in mailing list. Ho già caricato entrabi i file in piattaforma.
  3. Per ultimo abbiamo creato un collegamento ipertestuale (funzione collegamento) con quel percorso un po’ macchinoso in cui si deve scegliere l’oggetto al quale applicarlo. Sembrerebbe utile, ma a conti fatti non è funzionale perché il link si perde nella trasformazione da file .flipchart (sw della lim) a .pdf. Troveremo altri modi più funzionali di utilizzo della LIM con gli strumenti del web, in particolare con Google Drive di cui vi ho fatto accenno e che cominceremo ad usare la lezione del 23 Maggio.

Ultimissima cosa: vi ho consegnato il testo cartaceo di un articolo di Mario Agati, collega del “Sigonio” di Modena, che sintetizza lo stato dell’arte della tecnologia nella scuola. Siete caldamente pregati di leggerlo e, se desiderate, aprite una discussione sul forum. Grazie 🙂

Scuola Digitale – Carpi #1

scuola digitale

 

Lavagna Digitale 2013 – presso ITE “A.Meucci” Carpi

Primo incontro della prima fase.

In sintesi gli argomenti trattati:

  • presentazione del tutor;
  • modalità dell’iscrizione si piattaforma indire fordocenti; cambio username e password;
  • iscrizione informale uditori;
  • breve tour delle funzioni principali della piattaforma;
  • breve presentazione dell’organizzazione del corso: I e II fase; calendario;
  • compilazione questionario competenze e aspettative;
  • presentazione del dispositivo LIM ed integrazione con altri dispositivi hw;
  • richiesta di attivazione di un account gmail;
  • Funzioni principali  LIM – I livello;
    • scrittura mano libera, cambio spessore e colore;
    • scrittura a stampa, formattazione, spostamento, cancellazione;
    • forme geometriche, dimensione, colorazione, connettori ecc.
    • funzioni matematiche elementari, righello, goniometro;
    • cambio e duplicazione di pagina;
    • salvare pagina in .flipchart e .pdf.

Attività assegnate:

  1. iscrizione in piattaforma, rispondere al forum “presentiamoci”
  2. comunicare a breve l’indirizzo di posta con gmail.

Prossimo incontro: Martedì 14 Maggio, re 14.30 – 17.30

 

LIM – report ebook

LIM
LIM

 Un  corso di formazione sull’uso della LIM nella didattica che ho tenuto nell’a.s. 2010-2011 presso le scuole, “Antonio Meucci” di Carpi – MO e “Bassi Burgatti” di Cento FE per il piano nazionale LIM promosso dal MIUR.

Qui sotto metto a disposizione per il download una cartella zippata che contiene l’ebook nei formati .pdf, .epub e .mobi in cui sono aggregati i report delle lezioni che avevo pubblicato sul vecchio sito.

Per scaricare il file .zip clicca qui di seguito: LIM