Scuola Digitale – Carpi #2

meucci

Secondo incontro.

Abbiamo proseguito nella visione delle funzioni della piattaforma ForDocenti, in particolare, di come interagire nei forum. A questo proposito vi invito a rispondere (tasto in fondo) alle discussioni già aperte. Questo per evitare che si disperdano gli interventi. Solo se volete aprirne una nuova e inedita, attivarla con il tasto “crea discussione” sempre in fondo alla pagina dell’elenco dei forum.

Poi siamo andati a vedere come scaricare e caricare risorse didattiche:

  1. dal menu edulab —->strumenti quelle che abbiamo prodotto in aula che potete scaricare e ricaricare nella vostra cartella che avete creato;
  2. scaricare dal menu risorse oggetti didattici prodotti da colleghi relativamente alla disciplina di interesse.

Attenzione: ciascuna delle operazioni precedenti, ovvero, rispondere al forum, scaricare e caricare, viene  registrata come attività online che deve raggiungere 10 ore entro la prima fase che si concluderà il 29 Maggio. Potete controllare quante ne avete accumulate entrando nel menu portfolio, in cui sono visualizzate le ore in presenza e online. Mi raccomando di raggiungere la quota 10 ore prima della scadenza. Quelle eccedenti non sono calcolate; il limite massimo è 10. Molto probabilmente per concludere la prima fase si dovrà rispondere ad un questionario di soddisfazione. Se non lo fate non potrò stamparvi i certificati finali!

LIM: secondo livello di utilizzo

Abbiamo visto ancora qualche funzione da utilizzare in scrittura. La più utile mi sembra quella della quadrettatura del foglio che permette di scrivere e disegnare schemi ordinati. Al termine si può togliere.

Entriamo nel merito dell’argomento di oggi: sulla Lim possiamo importare degli oggetti: pdf, ppt (presentazioni) e immagini (anche altri ma non li tratteremo) e su questi intervenire in scrittura ed altre funzioni.

  1. abbiamo importato il testo della Costituzione in .pdf, l’abbiamo sottolineato ed evidenziato in alcuni punti e poi abbiamo esportato, sempre in .pdf, la pagina elaborata. Quindi l’abbiamo condivisa in mailing list per far avere agli “studenti” quello che abbiamo fatto in classe.
  2. abbiamo fotogratato la pagina elaborata con la funzione “cattura schermo” (macchina fotografica) e salvata in formato .jpg, quindi sempre condivisa in mailing list. Ho già caricato entrabi i file in piattaforma.
  3. Per ultimo abbiamo creato un collegamento ipertestuale (funzione collegamento) con quel percorso un po’ macchinoso in cui si deve scegliere l’oggetto al quale applicarlo. Sembrerebbe utile, ma a conti fatti non è funzionale perché il link si perde nella trasformazione da file .flipchart (sw della lim) a .pdf. Troveremo altri modi più funzionali di utilizzo della LIM con gli strumenti del web, in particolare con Google Drive di cui vi ho fatto accenno e che cominceremo ad usare la lezione del 23 Maggio.

Ultimissima cosa: vi ho consegnato il testo cartaceo di un articolo di Mario Agati, collega del “Sigonio” di Modena, che sintetizza lo stato dell’arte della tecnologia nella scuola. Siete caldamente pregati di leggerlo e, se desiderate, aprite una discussione sul forum. Grazie 🙂

Mens sana in corpore sano

sport_a_scuola

Un link ad un articolo che parla di sport in età evolutiva.

Come succede spesso, si insiste sugli effetti salutistici e poco su quelli educativi e formativi dell’attività motoria. Il post, comunque, mette il dito nella piaga della disattenzione nei confronti dell’argomento sport e adolescenza che nel nostro paese è lasciata in mano alle società sportive che hanno finalità agonistiche, a differenza di altre nazioni in cui è la scuola a farsene carico.

I nostri insegnanti, invece, stigmatizzano chi pratica sport perché, dicono, distoglie dallo studio. Niente di più falso.

Ecco il riferimento : Per i pediatri italiani vale ancora il motto “Mens sana in corpore sano” via Orizzontescuola

Scuola Digitale – Carpi #1

scuola digitale

 

Lavagna Digitale 2013 – presso ITE “A.Meucci” Carpi

Primo incontro della prima fase.

In sintesi gli argomenti trattati:

  • presentazione del tutor;
  • modalità dell’iscrizione si piattaforma indire fordocenti; cambio username e password;
  • iscrizione informale uditori;
  • breve tour delle funzioni principali della piattaforma;
  • breve presentazione dell’organizzazione del corso: I e II fase; calendario;
  • compilazione questionario competenze e aspettative;
  • presentazione del dispositivo LIM ed integrazione con altri dispositivi hw;
  • richiesta di attivazione di un account gmail;
  • Funzioni principali  LIM – I livello;
    • scrittura mano libera, cambio spessore e colore;
    • scrittura a stampa, formattazione, spostamento, cancellazione;
    • forme geometriche, dimensione, colorazione, connettori ecc.
    • funzioni matematiche elementari, righello, goniometro;
    • cambio e duplicazione di pagina;
    • salvare pagina in .flipchart e .pdf.

Attività assegnate:

  1. iscrizione in piattaforma, rispondere al forum “presentiamoci”
  2. comunicare a breve l’indirizzo di posta con gmail.

Prossimo incontro: Martedì 14 Maggio, re 14.30 – 17.30

 

Ermanno Ferretti – A cosa serve la scuola?

Inserisco in queso post il link ad un articolo del collega Ermanno Ferretti nel quale si analizza un elenco ragionato, spesso ironico, sulla funzione delle scuola moderna in contrapposizione a quella di stampo tradizionale, così come persiste anacronisticamente ancora nel nostro paese. La discussione, infatti, si svolge sui contenuti, fortemente discutibili, presentati da Paola Mastrocola nel libro “Togliamo il disturbo”.

Ecco il riferimento: A cosa serve la scuola? Una riflessione su insegnanti e studenti

Buona lettura!

Orientamento in uscita: un esempio di progetto didattico di integrazione tra un CMS (Drupal) e un LMS (moodle)

Relazione presentata da Emanuela Zibordi al Moodlemoot Italia, Reggio Emilia 22, 23 Marzo 2007.

In allegato:

  • abstract e biblio-sitografia (formato .pdf)

Ricerca “Giovani e sport” Grafici

pattinaggio

Durante l’a.s. 2005/06 gli studenti/esse delle classi IVA e IVCb hanno predisposto e distribuito un questionario ai giovani di età compresa tra i 13 e i 25 anni per sapere come si pongono in relazione all’attività sportiva e motoria dal punto di vista della pratica attiva, dell’utilizzo dei media e dei consumi. I dati sono stati raccolti in un foglio excel e sono stati elaborati statisticamente. L’attività prevede anche un’azione multidisciplinare con la lingua straniera, inglese, attraverso la lettura di due capitoli di un testo di educazione fisica adottato nelle scuola del Regno Unito, con argomento “Sport and Media” Gli obiettivi del progetto sono:

  • affrontare gli argomenti (pratica, media, consumi) nello sport partendo da dati reali e contestuali alle nostre abitudini culturali;
  • familiarizzare con le TIC utilizzando, per la raccolta ed elaborazione dei dati, l’applicazione del foglio di calcolo ed Internet per ricerche individuali sugli argomenti trattati;
  • orientare gli studenti/esse verso la conoscenza delle professioni legate all’attività motoria e sportiva.

In allegato:

  • il questionario proposto per le interviste;
  • i grafici relativi a ciscuna domanda proposta, organizzati in:
    • dati relativi agli intervistati
    • sezione 1: la pratica sportiva nei giovani
    • sezione 2: i media e sport nei giovani
    • sezione 3: consumi dello sport nei giovani

N.B.quando non specificato diversamente i grafici si riferiscono alla totalità della popolazione intervistata cioè n=328.

distribuzione popolazione_0

eta intervistati_0

provenienza popolazione_0

1.1.1 giovani che praticano sport

1.1.2 sport praticati

1.1.3 iscrizione a s sp

1.1.4 ore attivita  sportiva

1.2.1 pratica motoria

1.2.2 ore attivita  motoria

1.3.1 quale sport vorresti praticare

1.3.2 perche non possibile praticare

2.0.0 segui sport nei media

2.1.1 ore sport in tv

2.1.2 quali sport in tv

2.2.1 segui informazione sp

2.2.2 ore info sportiva

2.3.1 riviste sport

2.3.2 volte quotidiano sp

2.4.1 libri sport

2.5.1 media ore info internet

2.5.2 guardi sport in internet

2.6.1 ore medie radio

3.1.1 acquisti attrezzatura sp

3.1.2 spesa attrezzatura sp

3.2.1 acquisti abbigliamento sp

3.2.2 spesa abbigliamento sp

3.3.1 spesa per pratica sp

3.3.2 spesa per pratica sp

Wall-ten: racket sport

Wall-ten is game that needs a gym with free walls. It consists in a mix between tennis and squash. It’s fun!

Take a look at the videos below:

1 – Goals of the game

The goal of the game is to repulse a tennis ball with tennis rackets in alternate shots betwen two players. The ball must touch the verical and the horizontal areas of the game field. The foul of a player gives the point to the opponent. The winner is whoever reaches 10 points.

01_wallten

2 – Why wall-ten?

I have called the game “wall ten” because it looks like a tennis match but played also with the gym’s walls,  “ten” because it remembers the word tennis and the player who collects “ten” points, wins the match.

02_wallten

3 – The playing field

Well,  the vertical field on the wall is 6 m wide and 4 m high , and the horizontal one is 8 m x 8 m on the ground, (see the picture). Around the last one, leaves about 2 m of free space.

03_wallten

4 – Equipment

To play wall-ten are nedded  two tennis rackets, one for each player, and two tennis balls, played one at time.

04_wallten

5 – How to play

One player starts the game hitting the ball wich must touch the vertical area and then bounce on the horizoltal one. Then it’s the turn of the second player and so on, alternating the shots.

The manche finishes  when a player makes a foul. After  the other player starts the game. Remember: just one bounce each time!

05_wallten

6 – Fouls

  • the ball beats out the vertical or the horizontal area;
  • the ball bounces twice on the horizontal field;
  • block foul: a player prevents to the other to catch the ball. In the case of unintentional foul, restart the ball.

06_wallten

 

7 – Score

Every foul gives a point to the opponent. The first player who reaches ten points wins the game. You can play one  set or more, the best between 3 or 5 games, as weell as the tennis game.

07_wallten